Gli elementi che compongono la pubblicità efficace per centri estetici

Continuiamo il nostro percorso con destinazione “pubblicità efficace” parlando dei 5 elementi che la compongono.

Te lo ripeto ancora, non muoverti e non fare nulla fino a che non hai trovato il tuo vantaggio unico.

Quando avrai ben chiaro il motivo semplice, netto e plausibile per cui un cliente deve preferire te alla tua concorrenza potrai iniziare a pensare alla costruzione di un messaggio pubblicitario proficuo.

Tuttavia, come avrai ben compreso, l’individuazione del tuo criterio differenziante e del tuo vantaggio unico non rappresenta la conclusione dell’attività che porta ad un marketing efficace.

Il vantaggio unico è semplicemente il presupposto più importante per partire.

Qualsiasi comunicazione pubblicitaria deve possedere 5 differenti parti, ed ognuna di esse è essenziale per ottenere l’impatto ed il riscontro desiderati nel mercato.

I 5 fattori precipui sono:

  • il titolo o intestazione;
  • l’offerta;
  • le prove o garanzie;
  • la “call to action” (chiamata all’azione);
  • la scadenza.

Potrà apparirti, da una prima lettura, una composizione strana o semplicistica.

Come vedi non ho fatto nessun riferimento diretto a belle immagini patinate, marchi cosmetici altisonanti (tanto nell’estetica professionale non esistono) o loghi dell’attività in 3D.

Ricorda sempre che, nella comunicazione, l’efficacia si coniuga con la semplicità.

nella confusione non può esistere l’efficacia

Dal prossimo articolo inizieremo ad analizzare, uno ad uno, i 5 elementi sopra indicati.

Ciao amica professionista dell’estetica, cogli il quadrifoglio.

 

immagine-lead-magnet

 

 

Tag: , , , , , ,

Condividi questo post con il mondo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

© Copyright 2013-2019 – Metodo Quadrifoglio è un marchio di Alessandro Talaia

Alessandro Talaia – Via Castoldi 2 – 21100 Varese

Partita Iva 03139290120 – Privacy Policy – Cookie Policy

Sito realizzato da Alessandro Talaia