Sai come fare un piano di lavoro?

 

Nel post precedente ti ho formulato alcune domande, dalle cui risposte dovresti aver compreso se hai sotto controllo la tua attività.

Cerchiamo di scendere ancora di più nei dettagli, affrontando la delicata tematica della pianificazione concreta di un mese di lavoro.

 

Sei al corrente di quanto dovrai incassare nel prossimo mese di gennaio 2012?

 

Il tuo fatturato dovrà essere la somma di:

  1.  somma necessaria a pagare il TUO stipendio, sì hai capito bene, se tu lavori per la tua azienda la tua azienda ti deve pagare;
  2. somma necessaria a pagare tutte le spese del tuo negozio, legate sia ai costi fissi (tutti quei costi che devi sostenere anche se non lavori, quali affitto, personale, leasing, commercialista, ecc.) che ai costi variabili (quelli che affronti in riferimento al lavoro che produci, quindi prodotti cosmetici professionali, monouso, parte variabile delle utenze, ecc.);
  3. utile che vuoi realizzare dato che hai investito i tuoi soldi, per aprire l’attività, giusto? L’utile non è lo stipendio, sono due concetti diversi. Se tu lavori nel tuo centro devi ritagliarti uno stipendio; se tu hai investito un capitale nel tuo negozio questo capitale ti deve rendere, come ti renderebbe ad esempio un titolo di stato;
  4. somma destinata agli accantonamenti per realizzare investimenti futuri, se nel 2013 vuoi rifare l’arredamento del centro senza ricorrere (in tutto od in parte) a finanziamenti esterni, devi iniziare ad accantonare i soldi necessari, mese per mese.

 

Dalla somma punto1 + punto2 + punto3 + punto4 (ma se ti sembra troppo complesso, accontentati pure della somma punto1 + punto2) otterrai una determinata cifra; per il momento tralasciamo, per non complicarci troppo la vita, il discorso fiscale e di accantonamento IVA.

Quindi quanto ti serve per vivere + quanto ti serve per tenere aperto il tuo negozio rappresenta il tuo obiettivo di fatturato, ipotizziamo che sia pari a 20.000 €, ok?

 

Adesso che ne sei consapevole sai come fare ad incassare questi 20.000 €?

 

 

Una parte (ipotizziamo 8000 €) ti entrerà automaticamente, senza che tu debba compiere azioni particolari; pensiamo, ad esempio, alle rate dei pacchetti che hai venduto nei mese precedenti oppure a tutti quei servizi (soprattutto dell’estetica base) che svolgi per il semplice fatto che hai una clientela, un negozio con un’insegna, insomma per la semplice considerazione che esisti!

 

L’altra parte, supponiamo quindi 12000 €, dovrai ricavarla con una chiara pianificazione; dovrai sapere come ottenerla!

Insomma, se sai che ti dovranno entrare 20000 €, potrai ipotizzare o essere consapevole che 8000 € ti entreranno “passivamente” ma non potrai certamente stare seduta ed aspettare che anche gli altri 12000 € arriveranno così, con la sola speranza che i clienti te li diano.

 

Quindi dovrai stabilire, sempre per esempio, che:

di questi 12000 benedetti €, 4000 € dovrai ricavarli dalla vendita di cosmetici per l’autocura, 4000 € dovrai ricavarli dalla vendita di nuovi pacchetti corpo e gli altri 4000 € dalla vendita di pacchetti anti age.

Quanto sopra, ovviamente, sempre per esempio.

 

A questo punto devi suddividere l’obiettivo mensile in settimanale, quindi 4000 € di pacchetti corpo mensili diventano 1000 € di pacchetti corpo alla settimana; trovato l’obiettivo settimanale devi ricavare l’obiettivo giornaliero, che sarà pari a 200 € al giorno.

Chiaramente se un pacchetto corpo costa 500€ dovrai venderne 2 alla settimana, di conseguenza 1 ogni 2/3 giorni; hai compreso il concetto?

 

Userai lo stesso sistema con tutto ciò che devi vendere per realizzare il tuo obiettivo mensile.

 

Ricapitoliamo e sintetizziamo, in conclusione.

  1. Stabilisci quando dovrai prendere di stipendio nel mese di gennaio 2012
  2. Stabilisci quando dovrai incassare per coprire le spese del tuo negozio nel mese di gennaio 2012
  3. Fai la somma punto1 + punto2 = Obiettivo di fatturato mese di gennaio
  4. In base alle tue statistiche o ad altro determina quanti soldi ti entreranno, presumibilmente, senza fare particolari azioni promozionali o senza spingere determinati trattamenti
  5. Sottrai questa somma, vale a dire quella del punto4, dall’obiettivo di fatturato mensile (punto3)
  6. Stabilisci, in base al magazzino ed alla stagionalità, quanti e quali prodotti/servizi/trattamenti devi vendere per incassare la cifra ottenuta dalla sottrazione Obiettivo Fatturato Gennaio 2012 – Somma che ti entrerà senza grossi sbattimenti (ricorda, punto3 meno punto4)
  7. Trasforma il dato da mensile in settimanale
  8. Rendi il dato giornaliero e compila il foglio obiettivi giornaliero
  9. Tieni sotto controllo la situazione grazie al foglio piano lavoro mensile.

 

 

So che ti sembra complicato, ma ti posso garantire che se tu disponessi di questi quattro moduli:

1- tabella di calcolo del tuo stipendio

2- tabella di calcolo delle spese aziendali

3- foglio piano lavoro mensile

4- foglio obiettivi giornalieri

sarebbe tutto molto più semplice e meno discorsivo.

Se vorrai approfondire ed applicare l’argomento, sono a tua disposizione.

Alla prossima e ciao da Alessandro

 

Condividi questo post con il mondo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

© Copyright 2013-2019 – Metodo Quadrifoglio è un marchio di Alessandro Talaia

Alessandro Talaia – Via Castoldi 2 – 21100 Varese

Partita Iva 03139290120 – Privacy Policy – Cookie Policy

Sito realizzato da Alessandro Talaia