Sei un’estetista VOLPE o un’estetista PORCOSPINO? Sei brava a fare tutto? Scendi dal piedistallo e sali sul trono, SPECIALIZZATI!!

 

Negli ultimi post del 2011 ho messo in rilievo la necessità di concentrarsi sulle azioni di marketing, necessarie alla sopravvivenza ed alla prosperità del tuo Istituto di Bellezza.

Ti ho invitata ad essere estremamente concreta, a lasciare i tecnicismi ed i concetti complicati a chi quotidianamente riscalda una sedia con il proprio posteriore.

A noi interessa lavorare bene, guadagnando la cifra necessaria a coprire i costi di gestione ed a garantire la nostra sussistenza, mettendo in campo operazioni semplici ma molto efficaci.

 

E che cosa centrano i nostri due simpatici animali di bosco, protagonisti del titolo del post e dell’immagine d’apertura?

Istintivamente ti senti un’operatrice volpe o porcospino?

Per quale dei due animaletti parteggi?

 

L’antico pensatore Archilogo, in un suo verso, recita “la volpe sa molte cose, il porcospino ne sa una grande!“;

ma che cosa significa per noi tale assunto?

 

La volpe è famosa per la sua scaltrezza e furbizia, è in grado di elaborare diverse e strabilianti strategie d’attacco per procacciarsi il cibo; il porcospino conosce ed applica un’unica strategia, chiudersi “a riccio”, ma lo sa fare tremendamente bene.

Il risultato è che l’ingegnosa volpe non riesce mai a catturare il porcospino, abilissimo solo ad arrotolarsi su se stesso divenendo “una palla di spine”.

 

Ma la differenza che a noi interessa maggiormente porre in risalto è la seguente:

la volpe è una “tuttologa“, il porcospino è uno “specialista“.

 

Ecco il primo passo che devi percorrere! SPECIALIZZATI!!!!!!


Non cercare di fare benino, abbastanza bene o semplicemente bene tutti i trattamenti estetici proposti normalmente da un beauty center.
Individua il tuo punto più forte, la tua abilità più grande e trasformali in un’area di eccellenza.

Il bosco è il mercato in cui lavori, sempre più complicato, pericoloso, intricato e competitivo; la volpe incarna i tuoi concorrenti, specie quelli in possesso di strutture più grandi, moderne, attrezzate e ricche della tua.
Infine le strategie rappresentano i trattamenti e le azioni che tu ed i tuoi competitor svolgete nei vostri istituti.

Ma chi ha la meglio, nella diuturna lotta per la sopravvivenza?

Il porcospino, a patto che si concentri sull’unica cosa che sa fare bene; qualora il simpatico riccio (a proposito, da piccolo ne avevo uno, si chiamava Tommasino) ipotizzasse di imparare a nascondersi, correre o, peggio, saltare sarebbe spacciato.

Tu ti devi comportare allo stesso modo: specializzati!

Diventa una beauty specialist porcospino e le tue rivali estetiste volpe (con le loro strutture da 3000 € al metro quadro, con i 100 trattamenti specifici, i macchinari ultratecnologici da 50000 € cadauno, i mega investimenti pubblicitari e le 20 dipendenti tirate a lucido) non potranno mai insidiarti.

Io so che a scuola ci hanno insegnato a concentrarci sulle materie in cui eravamo deboli, al fine di recuperare le eventuali insufficienze ed allineare il rendimento alle materie in cui invece eravamo più ferrati; l’unica verità, a mio avviso, è che il nostro sistema scolastico e didattico fa schifo!

Se ci focalizziamo sui nostri punti deboli, finiremo per avere un sacco di “punti deboli forti”, presupposto della mediocrità.

Se indirizziamo i nostri sforzi sulle aree in cui riusciamo naturalmente, avremo la possibilità di diventare degli specialisti, di eccellere in un’abilità specifica ottenendo risultati e gratificazioni straordinarie.

I fuoriclasse, gli artisti migliori, i professionisti più pagati sanno fare egregiamente una cosa sola!

 

 

 

Nel tuo lavoro trova alla svelta il servizio che ami di più ed il servizio che ti riesce meglio; noterai che, nella stragrande maggioranza dei casi, i due trattamenti coincidono.

Costruiamo un’ipotesi per me aberrante, immaginando che consista nella pedicure.

Se così fosse ti comunico che non andiamo d’accordo; personalmente ti ritirerei persino la licenza, ma la mia opinione non ha importanza.

L’importante è che tu ambisca a diventare una “mega iper super” specialista della pedicure, conosciuta, stimata, apprezzata e soprattutto ricercata da tutti i clienti per questa tua abilità.

Devi puntare alla fama di “miglior callista” di tutta la provincia, se ami fare la pedicure e ti senti brava in questo.

I tuoi clienti devono avere la certezza di avere a che fare con una professionista unica; devono mettersi in fila per prendere un appuntamento con te, essendo disposti a pagare un prezzo superiore a quello applicato dai tuoi concorrenti, leali o sleali, professionali o domiciliari.

 

Conosco già le tue perplessità relative al prezzo, credimi; consentimi di porti due esempi.

Esempio nr 1: Se ti rechi da un luminare di una specializzazione medica non esiti a sborsare 300 € per una visita di pochi minuti; invece per il medesimo accertamento effettuato presso il medico della mutua troveresti caro persino l’importo del ticket sanitario.

Esempio nr 2: Io sono un meticcio calabro-lombardo (sono nato ed ho sempre vissuto a Varese, ma mia madre è lombarda e mio padre era calabrese) ed adoro, specialmente in inverno, gustare un piacevole risotto; se ceno in un ristorante di buon livello, in grado di cucinare indistintamente bene varie portate, sono disposto a spendere per un risotto di qualità non più di 12/14 €.

Ma se prenoto in una trattoria o locale tipico regionale, rinomato e riconosciuto esclusivamente per il più noto primo piatto lombardo, capace di servirmi un risotto che rappresenti una deliziosa poesia per le mie papille gustative, preparato secondo le ricette tradizionali, beh…..qualche soldino in più, per lo stesso piatto lo lascio volentieri.

Ho reso l’idea?

Allora, in sintesi:

1) Trova il trattamento che sai fare meglio;

2) Super specializzati in quel trattamento, diventa la migliore sulla piazza;

3) Comunica la tua bravura al mondo intero (indica la tua specializzazione nell’insegna, nella pubblicità, nei biglietti da visita), ricontandoti che non c’è nulla di nobile nella modestia fine a se stessa;

4) Chiedi il giusto prezzo! La professionalità si paga, ritornando all’esempio del luminare medico credo che diffiderebbe chiunque di uno specialista che esige solo 50 € per una visita.

 

Cosa stai pensando? Stai pensando alla tua cliente vecchiettina con la pensione minima, che fa fatica già a pagarti 22 € per una pedicure completa? Oppure hai paura che i tuoi clienti possano scappare dal concorrente che applica i prezzi più bassi? Non dirmi che stai pensando a Groupon? Ho capito, continua a seguire il mio blog e nei prossimi post vedremo come fare.

 

Ciao e…….buon 2012!!!!!

Condividi questo post con il mondo!

1 COMMENTO

  1. Alessandro, te sei veramente un grande. Complimenti.

    Eduardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

© Copyright 2013-2019 – Metodo Quadrifoglio è un marchio di Alessandro Talaia

Alessandro Talaia – Via Castoldi 2 – 21100 Varese

Partita Iva 03139290120 – Privacy Policy – Cookie Policy

Sito realizzato da Alessandro Talaia